Influenza: quando consultare il medico

L’influenza è una malattia respiratoria contagiosa causata da virus che può causare malattie lievi e/o gravi, soprattutto se contratte da pazienti ad alto rischio. L’influenza è diversa da un raffreddore e di solito si manifesta all’improvviso con uno o più sintomi.

I Sintomi influenzali

  • Febbre o sensazione di febbre/brividi
  • Tosse
  • Gola infiammata
  • Naso che cola o chiuso
  • Dolori muscolari o corporali
  • Mal di testa
  • Stanchezza e affaticamento

Alcune persone possono avere vomito e diarrea, anche se questo è più comune nei bambini rispetto agli adulti. Inoltre, è importante sapere che l’influenza può presentarsi anche senza febbre.

 QUANDO È INDISPENSABILE CONSULTARE IL MEDICO

Fortunatamente la maggior parte delle persone che contraggono l’influenza si riprende in pochi giorni e generalmente entro due settimane, ma alcuni, soprattutto i soggetti a rischio, possono sviluppare complicazioni serie, alcune delle quali pericolose per la vita stessa.

E’ importante conoscere quali sono i sintomi di allarme e, alla prima presenza di uno di questi, chiedere l’intervento del medico.

NEI BAMBINI

  • Respirazione accelerata o problemi di respirazione
  • Colore della pelle bluastra
  • Il bambino non assume sufficienti liquidi
  • Difficoltà a svegliarsi e/o interagire
  • Irritabilità, il bambino non vuole essere trattenuto
  • Febbre alta e/o con un’eruzione cutanea
  • I sintomi influenzali che migliorano ma poi ritornano con febbre e tosse peggiore

Oltre ai sintomi di cui sopra, chiedere immediatamente l’assistenza medica in caso in cui il bambino presenta:

  • Difficoltà a mangiare
  • Pianto senza versare lacrime
  • I pannolini sono significativamente meno bagnati rispetto al normale

NEGLI ADULTI

  • Difficoltà a respirare o mancanza di respiro
  • Dolore o pressione nel torace o nell’addome
  • Vertigini improvvise
  • Confusione
  • Vomito persistente
  • I sintomi influenzali che migliorano ma poi ritornano con febbre e tosse peggiore

Ricordiamo che quest’anno l’influenza stagionale sarà la peggiore degli ultimi dieci anni e che la campagna vaccinale proseguirà sino a fine dicembre. Il Ministero della Salute raccomanda l’avvio tempestivo della vaccinazione antinfluenzale, offerta in modo gratuito alle persone che rientrano nelle categorie a rischio.

Il vaccino antinfluenzale è comunque indicato a tutti i soggetti che desiderino evitare la malattia, previo il parere del proprio medico.

dottoreadomicilio.it